20 Mag 1999

1999 ALESSANDRO ANGELINI – TOMASO MONTANARI

La Commissione preposta all’assegnazione del IX Premio Giuseppe Livio Borghese composta da Manlio Barberito, Didier Bodart, Leonard Boyle, Cesare D’Onofrio, Carl Liutpold Frommel, Renato Lefevre, Luigi Pallottino, Ettore Paratore, Claudio Quarantotto, ha conferito all’unanimit√† il Premio 1999 ai dottori Alessandro Angelini e Tomaso Montanari, autori rispettivamente dell’opera Gian Lorenzo Bernini e i Chigi tra Roma e Siena e del saggio facente parte dello stesso volume Alle origini della storiografia berniniana. Con tale scelta, la Commissione ha voluto offrire un riconoscimento all’opera di due studiosi i cui testi, complementari fra loro, danno, per quanto riguarda l’Angelini un panorama del secolo berniniano che allo studio dell’opera d’arte accompagna un’ampia visione del contesto storico-culturale in cui l’opera stessa √® stata concepita e vissuta; contesto che il saggio del Montanari approfondisce in modo assai innovativo, avvalendosi di un minuzioso studio della documentazione dell’epoca, in parte inedita, proponendoci un’originale storiografia berniniana.